Image Image Image Image Image

Pavimenti in resina

Pavimenti in resina

I pavimenti colorati possono essere di materiali sintetici e base cementizia.
Le resine sintetiche possono essere epossidiche (rigide), oppure poliuretaniche (elastiche). Lo spessore in media raggiunge i due millimetri ed i colori si possono scegliere a piacimento, secondo diverse tabelle.
Con le resine elastiche, si possono impermeabilizzare anche terrazze e balconi ed avere una finitura calpestabile e antisdrucciolo.
Le resine a base cementizie (rigidi), possono essere autolivellanti dello spessore di 3-4mm a finitura spatolata e più o meno marcata.
Col microcemento si possono fare sia dei pavimenti, sia dei rivestimenti (bagni, cucine, pareti decorate, pilastri scale ecc.), con spessori di circa 2mm. Effetti spatolati con sfumature cromatiche particolari o nuvolati.
I pavimenti a consistenza rigida, devono essere interrotti da giunti di dilatazione 3-4mm, tagliati e siliconati ogni 30mq al massimo, se riscaldati, per permettere i dovuti movimenti.
I pavimenti in resina poliuretanica (elastica), permettono la copertura totale dei giunti di dilatazione, che rimangono nascosti e mantengono una completa continuità della superficie.
La nostra ditta, prima di eseguire una pavimentazione, si impegna gratuitamente ad eseguire dei campioni in diversi materiali nei nostri laboratori e sottoporli a giudizio del committente o progettista, al fine di fare una scelta ponderata, sia dal profilo estetico che finanziario.

pavimenti-in-resina

 

Rivestimenti resinosi

Per ambienti alimentari, autorimesse, meccanica, farmaceutica, cantine per vini, ambienti asettici.
Rivestimenti di pavimenti, decorativi per interni anche spatolati o rullati.
Il rivestimento è possibile anche in pareti su piastrelle, previo trattamento superficiale.
Abbiamo acquisito una notevole pratica sull’uso delle resine, con molti lavori eseguiti e di cui abbiamo un expo nei nostri uffici/magazzini di Lugano-Barbengo.
Campioni a richiesta possono venire eseguiti su esigenza del cliente, prima dell’esecuzione stessa.
I rivestimenti resinosi, vengono sempre più impiegati per risanamenti di fabbriche con problemi di fessurazioni e disgregazione della superficie. Con una semplice consultazione ed un sopraluogo, riusciamo a consigliarvi per una corretta operazione di risanamento.
Altra particolarità della resina è l’eliminazione di giunti e la perfetta lavabilità con getto d’acqua.

 

 

Impermeabilizzazione in resina

Le problematiche legate alle infiltrazioni di acqua, sopratutto nelle terrazze, hanno in passato creato grossi problemi negli edifici. Attualmente, nelle nuove costruzioni, viene sempre più usata l’impermeabilizzazione con resine applicate sul sottofondo già eseguito in pendenza e preposto a ricevere un rivestimento.
In questo modo, si possono eliminare diversi strati usurati, quali: carte bitumate con relative protezioni, stuoie drenanti, betoncini flottanti eseguiti in pendenza e mal protetti dall’infiltrazione di acqua, lattoneria perimetrale e relative siliconature, rivestimenti lapidei che col tempo creavano problemi di rilasci di sali e distacco, a causa del gelo.
Preghiamo ai progettisti di contattarci già in fase di dettaglio, per programmare e ottimizzare questi aspetti. La nostra esperienza e competenza vi verrà utile nel consegnare un oggetto tecnicamente ineccepibile.